Acido lattico: cos’è e a cosa serve nella skincare

Acido lattico: cos'è e a cosa serve nella skincare

Appartenente alla famiglia degli alfa-idrossiacidi (AHA) e presente naturalmente nella nostra pelle, l’acido lattico è usato in cosmesi per regolare l’equilibrio idrolipidico e il pH epidermico.

Simile per composizione all’acido glicolico, anche se molto più delicato, l’acido lattico è pressoché adatto a tutti i tipi di pelle e svolge un’azione esfoliante, disinfettante, idratante e rigenerante, senza intaccare il naturale spessore della pelle.

Benefici

  • Riduce le macchie cutanee da photoaging.
  • Promuove il turn over cellulare.
  • Stimola la produzione di collagene ed elastina.
  • Aiuta a curare problemi di acne e pelle impura.
  • Regola il pH della pelle.
  • Aiuta la pelle a non perdere la sua naturale idratazione.

Acido lattico VS altri acidi esfolianti

Qual è la differenza tra acido lattico e gli altri acidi della frutta? La prima differenza consiste nella grandezza della sua molecola che non gli permette di penetrare in profondità nella pelle come fanno altri acidi. Questa sua peculiarità gli permette di lavorare sulla superficie dell’epidermide, esfoliandola, tonificandola e illuminandola senza aggredirla.

Proprio per questo motivo è particolarmente indicato per le carnagioni chiare e le pelli sensibili, avendo meno probabilità di alterare il pH della pelle rispetto agli altri acidi esfolianti come l’acido glicolico o all’acido salicilico.

Potrebbe interessarti

Come integrare l’acido lattico nella tua skincare

Prima di provare a inserire un acido esfoliante all’interno della tua skincare ricorda sempre di fare un test cutaneo sull’avambraccio per scongiurare qualche reazione su tutto il viso.

Il test non ti ha dato alcuna irritazione e non vedi l’ora di utilizzarlo? Inseriscilo gradualmente nella tua beauty routine utilizzandolo a basse concentrazioni due o tre giorni a settimana – solo la sera – e usando per i restanti giorni della settimana prodotti idratanti e lenitivi.

In linea generale se desideri un effetto più illuminate e idratante opta per sieri e creme idratanti in concentrazioni moderate (dal 2% in su) da utilizzare solo la sera. Ricorda sempre di applicare una protezione solare il mattino successivo.

Invece, se preferisci un’azione esfoliante più potente, opta per maschere e peeling da eseguire una o due volte a settimana con concentrazioni del 5-10%.

In entrambi i casi ricorda sempre di combinare al suo utilizzo un detergente, una crema e una maschera viso dall’azione idratante e lenitiva per evitare arrossamenti e irritazioni.

Con quali principi attivi puoi usarli e quali no

  • Acido lattico + AHA e BHA: la sua combinazione altri acidi della frutta potrebbe essere troppo per la pelle e provocare sfoghi cutanei e irritazioni.
  • Acido lattico + Retinolo: questi due principi attivi possono essere utilizzati in combinazione ma non insieme. La loro miscela, infatti potrebbe irritare la pelle. Se desideri combinare il retinolo con gli acidi della frutta prediligi l’utilizzo dell’acido salicilico piuttosto che dell’acido lattico. L’acido salicilico, infatti, solubile in olio, penetra nei pori esfoliando delicatamente il viso e rimuovendo il sebo in eccesso.
  • Acido lattico + Perossido di benzoile: data la sua capacità di esfoliare la pelle e di agire contro le imperfezioni, la combinazione con un attivo usato per combattere l’acne potrebbe irritare la pelle più del normale o addirittura peggiorare la situazione.
  • Acido lattico + Acido ialuronico: la combinazione tra acido lattico e acido ialuronico (ricordiamo che quest’ultimo non è un vero e proprio acido) è decisamente vincente essendo entrambi idratanti.

Controindicazioni

Come qualsiasi prodotto esfoliante, l’acido lattico va usato con particolare attenzione. Un’applicazione eccessiva di prodotto, infatti, potrebbe causare infiammazioni, eruzioni cutanee ed ustioni chimiche.

Le preparazioni che trovi per fare i peeling viso a casa, dove la concentrazione varia tra il 5 e il 10%, sono assolutamente controllate ma, agendo comunque sullo strato corneo, lasciano l’epidermide più esposta. Non dimenticare, quindi, di usare il prodotto solo la sera e di utilizzare una protezione solare la mattina successiva.

Hai mai utilizzato l’acido lattico nella tua beauty routine? Raccontaci nei commenti la tua esperienza!

INDICE DEI PRINCIPI ATTIVI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *