Beauty experience: la nuova frontiera dei brand di bellezza

Beauty experience: la nuova frontiera dei brand di bellezza

Mettere al centro il cliente è sempre stato uno dei mantra dei brand cosmetici ma, con il passare del tempo, sono decisamente cambiati i rapporti tra marchi di bellezza e acquirenti, anche in funzione delle nuove tecnologie e, di conseguenza, delle nuove generazioni di consumatori.

Mettere al centro il cliente è sempre stato uno dei mantra dei brand cosmetici ma, con il passare del tempo, sono decisamente cambiati i rapporti tra marchi di bellezza e acquirenti, anche in funzione delle nuove tecnologie e, di conseguenza, delle nuove generazioni di consumatori.

Non preoccuparti! Non intendiamo scrivere un noiosissimo articolo di economia, ma farti scoprire qualche piccola curiosità su come è cambiata la beauty experience negli anni.

Perché? Beh, perché siamo tutti amanti beauty e forse hai notato anche tu di come nel tempo siano cambiati i tuoi acquisti.

Vediamo insieme alcuni esempi!

Brand di beauty e cosmesi sui social network

Diciamoci la verità, tutti noi seguiamo sui social network almeno uno dei nostri brand beauty preferiti. Sia per scoprire in anteprima le nuove uscite, per curiosare cercando di capire quale prodotto in vendita sia più adatto a noi, leggere recensioni o solo per perderci nelle foto di scintillanti ombretti, rossetti irresistibili e soffici creme, noi siamo li.

Per le aziende cosmetiche le piattaforme social sono un nuovo modo per fare digital marketing, per coinvolgere il cliente, farlo sentire parte di una community, ancora meglio se a sponsorizzare la linea c’è un influencer in grado, con la sua personalità, di coinvolgere il pubblico.

Parola d’ordine: interazione

Ne siamo certi, hai sicuramente partecipato a un qualche sondaggio nelle stories di Instagram in cui ti veniva chiesto di scegliere quale ingrediente chiave avresti preferito nella nuova maschera per capelli pronta per essere lanciata sul mercato, o in cui dovevi decidere se il prossimo prodotto in uscita dovesse essere un siero o un contorno occhi. Ma perché hanno deciso di prendere questa strada?

Perché fa parte della Customer Experience. L’esperienza del cliente è completamente cambiata negli ultimi anni: il cliente è sempre al centro di questo meccanismo ma in modo del tutto inedito.

Sui social network i brand possono essere collegati con i propri acquirenti in qualsiasi momento tramite smartphone. Vuoi sapere la crema più adatta a te? Scrivi direttamente sui social. Vuoi saperne il costo? Idem.

Ma non finisce qui! Questo tipo di rapporto crea un vero e proprio senso di community in cui il cliente si sente messo al centro dell’esperienza del brand, lo aiuta a crescere, contribuisce con i suoi post, le sue recensioni e i suoi video a promuovere il brand stesso. Sono meccanismi veloci, in cui anche tu, svegliandoti un giorno e pubblicando la tua beauty routine potresti prendere parte a questo processo.

Ed è così che ti rispecchi nei loro valori, nelle loro scelte etiche, commentando e condividendo informazioni. In poche parole, diventi anche tu parte del brand.

Dalla scelta al prodotto su misura

Sempre più spesso, ultimamente, proprio per metterti al centro della Customer Experience del brand, ecco comparire nuove proposte che vanno oltre la richiesta di informazioni da parte degli acquirenti: ebbene sì, stiamo parlando di prodotti personalizzati.

Personalizzati in che senso? Eh già! Alcuni brand non stanno lavorando solo per offrirti il prodotto più adatto alle tue esigenze ma il prodotto dei tuoi desideri. Basta un semplice questionario e il gioco è fatto avrai il tuo prodotto su misura. Unico e fatto appositamente per te.

Ma tutto questo influenza davvero i nostri acquisti?

Beh, chi non vorrebbe lo shampoo dei propri sogni che ci promette lunghezze morbide a prova di doppie punte? O quel siero magico che speri tanto quel brand produca perché adori tutti i loro prodotti e sai già che come uscirà farai immediatamente l’acquisto?

La partecipazione alla creazione del prodotto fidelizza e coinvolge il pubblico: attirandolo nel processo di produzione e realizzazione, infatti, gli acquirenti si sentono parte del brand.

Cosa ne pensi di questi nuovi approcci dei brand di beauty e cosmesi? A quali sondaggi hai già partecipato? Raccontacelo nei commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *