No filter girl: Eugenia Longo si racconta

No filter girl: Eugenia Longo si racconta

“Quando cammino per strada e la gente mi guarda con sguardo strano non mi importa perché io so di essere bella” Eugenia Longo per Undermakeup

Sono Eugenia, anche se amici, famiglia e sui social mi chiamano Gin, soprannome che mi sono data da sola quando ero molto piccola. Sono nata e cresciuta nella bellissima città di Milano”.

Inizia a raccontarsi così Eugenia Longo, ventitré anni, laureata in Economia e Gestione aziendale all’Università Cattolica di Milano. Salita alla ribalta tramite i suoi profili social, in particolare Instagram, che conta oggi quasi 35 mila follower, e il nuovo arrivato Tik Tok, 18 mila followers, dove racconta ogni giorno varie sfaccettature del mondo della moda. Quest’ultima, infatti, è la sua passione principale, che affronta, grazie anche alla sua spiccata personalità, sui suoi profili social in modo originale. Super seguito è il format di Instagram #dresslikeGin, in uscita ogni lunedì sera nelle sue stories e che consiste nel dare consigli di stile e nel rispondere alle domande che i suoi followers le pongono.

Ho diverse caratteristiche che apprezzo della mia persona, alcune si sono sviluppate maggiormente grazie alla malattia che mi è venuta all’età di 3 e mezzo: l’alopecia. Si tratta di una malattia legata al sistema immunitario che ho ereditato da mia madre e che mi ha portato ad essere quella che sono oggi: una donna senza capelli, felice della sua estetica”.

Quando hai deciso di esporti sui social e diventare un influencer? 

Non è stata sicuramente una cosa che ho deciso razionalmente ma è venuta in modo spontaneo. Ho sempre amato la fotografia e fin da quando ero piccola, avendo avuto la possibilità e la fortuna di viaggiare tanto, fotografavo qualsiasi cosa avessi intorno. Mi sono sempre approcciata ai social perché mi permettevano di condividere i miei scatti con altre persone. Già su Facebook avevo raggiunto circa 5.000 followers che per quel tempo e per essere una ragazzina super giovane erano davvero tanti.

Poi è nato Instagram, dedicato unicamente alle fotografie…era il social adatto a me! Ho creato il mio account – con lo stesso nome che ho oggi, @ginnnnnnnn –  e ho iniziato a postare i miei scatti. Piano piano, anno dopo anno, le mie foto sono interessate sempre a più persone! Solo diversi anni dopo è nata la professione di influencer e del content creator e, un po’ per caso, un po’ per via della crescita, mi ci sono ritrovata anche se, ad oggi, per me è principalmente un hobby e uno svago, non un lavoro. I social mi hanno aiutata moltissimo in questi tre anni di università a capire i miei interessi e i miei gusti. Voglio che la mia vita e la mia carriera continuino nel mondo della moda e che questa mia sicurezza la devo molto ai social”.

Che rapporto hai con il mondo beauty? Raccontaci la tua routine di bellezza.

Sempre grazie ai social ho sviluppato giorno dopo giorno sempre più la mia creatività aprendomi al mondo del make-up. Ho sempre guardato tantissimi video tutorial su Youtube e lo faccio tutt’ora. Amo trasformare il mio viso in una tela su cui posso fare ciò che voglio: mi diverte e mi rilassa.

Per quanto riguarda la skincare, invece, è venuta un po’ dopo e ora non ne posso più fare a meno. Penso che prendersi cura del proprio corpo sia un qualcosa da vedere a 360° gradi: mangiare bene, fare sport…e curare la pelle! Sono sempre stata molto fortunata perché ho la pelle normale-secca e nella mia vita ho avuto solo qualche imperfezione!

Faccio la skincare ogni giorno, mattina e sera: detergo il viso – faccio la doppia detersione solo la sera -, applico il tonico, il contorno occhi, il siero, la crema viso idratante e un olio per sigillare il tutto. Gli step rimangono bene o male sempre questi ma cambiano i prodotti in base alla stagione: d’estate, ad esempio, uso creme più leggere mentre d’inverno ricerco texture più corpose, dato che la mia pelle tende a seccarsi e a soffrire a causa del freddo ”.

Hai qualche beauty tip da svelarci?

In assoluto la crema solare, da mettere non solo quando siamo al mare. Un altro tip che può sembrare scontato è prendersi cura del proprio viso e corpo ogni giorno con costanza perché la prevenzione è la cosa migliore”.

Quindi preferisci un make-up acqua e sapone piuttosto che un trucco elaborato?

Dipende da come mi sento. dall’outfit, dal mio mood e da quello che voglio trasmettere! Per me il make-up è sia un accessorio, così come gli orecchini, le collane e i cappelli sia un mezzo di comunicazione e di espressione. Di giorno generalmente mi piace avere un make-up naturale, sui toni caldi, con una base glowy e leggera mentre la sera, invece, mi piace sbizzarrirmi e vado anche su look più pazzi, elaborati e anche colorati!”.

Cosa significa per te Undermakeup?

Undermakeup per me è preparare la nostra pelle per il dipinto che vogliamo crearci sopra! È prendersi cura di sé, tenere alla propria estetica perché ci si vuole bene. È piacersi con tanto trucco, senza trucco o solo con qualche prodotto mirato. L’importante è conoscersi e apprezzarsi: non c’è niente di più bello che guardarsi allo specchio, vedere le proprie imperfezioni e le proprie diversità e apprezzarle in quanto tali. È grazie alla mia testa liscia, alle mie rughette di espressione e al mio solchetto sotto gli occhi se sono chi sono. E sono felice di essere Gin”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *