Tutto quello che non sai sulla maschera viso

Maschera viso: tutto quello che non sai sul trattamento skincare più amato di sempre

La maschera viso è diventata nel corso degli ultimi anni una vera e propria alleata di bellezza nel beauty-case di ogni beauty addicted. Un’ottima skincare routine parte inevitabilmente da una una attenta cura della pelle  che non si limita solo alla pulizia, ma anche a passaggi che mirano a renderla purificata, fresca e illuminata.

La maschera viso è diventata nel corso degli ultimi anni una vera e propria alleata di bellezza nel beauty-case di ogni beauty addicted. Un’ottima skincare routine parte inevitabilmente da una una attenta cura della pelle  che non si limita solo alla pulizia, ma anche a passaggi che mirano a renderla purificata, fresca e illuminata.

Maschera viso di bellezza

Le maschere viso rappresentano sicuramente un passaggio fondamentale per la cura della pelle, ma sono diventate anche il simbolo della cura di sé: infatti, nel momento in cui decidi di coccolarti con una maschera per il viso, ti concedi un momento di relax rigenerante sia per la pelle che per la mente.

Step skincare importato dalla Corea del Sud, le maschere viso sono diventate uno dei prodotti skincare più apprezzati perché nell’immaginario collettivo sono una garanzia di “cosmetico dall’efficacia immediata”. Queste, infatti, sono in grado di migliorare visivamente l’aspetto della pelle già dalle prime applicazioni grazie alla percentuale di principi attivi ben superiore a quella contenuta in una normale crema viso.

Quando fare la maschera viso

Le maschere viso dovrebbero essere fatte ad intervalli regolari in modo che la pelle risulti sempre idratata ed elastica, ma ci sono alcuni periodi dell’anno o momenti specifici della vita – magari quando sei particolarmente stressato – che richiedono maggiore cura e frequenza nell’applicazione della maschera più adatta.

Tutte le tipologie di maschere viso

  • Maschera in tessuto

Le conosciamo tutte e sono tra le più diffuse: le “sheet mask”, sono maschere monouso, sagomate in stoffa o carta, e imbibite di sieri e sostanze attive altamente concentrati da applicare direttamente sul volto. La loro particolare struttura garantisce non solo una perfetta azione occlusiva ma anche una rapida applicazione. Le maschere in tessuto, infatti, consentono di vedere subito un miglioramento del tono della pelle visibile e di godere della sensazione di benessere che ne consegue.

Perché non puoi non provarle? Super user friendly, sono piccole e leggere tanto che le puoi portare ovunque, possono essere applicate in qualsiasi momento della giornata e, inoltre, una volta rimosse lasciano il siero ancora sulla pelle continuando ad agire fino alla sua completa penetrazione.

  • Maschera in gomma

Conosciute anche con il nome “rubber mask“, le maschere in gomma sono considerate l’evoluzione di quelle in tessuto: il loro materiale gommoso, infatti, è in grado di proteggere ancora meglio la pelle, impedendo al trattamento di evaporare e garantendo un maggiore assorbimento del siero.

A caratterizzarle è, infatti, proprio la loro particolare consistenza, definita “gel to solid”: inizialmente si presentano come un composto dalla consistenza gelatinosa che si trasforma poi in un materiale simile al lattice grazie alla presenza di alginato, un particolare ingrediente estratto dalle alghe marine.

Solitamente bisogna mescolare il gel con una polvere prima dell’applicazione mentre in altri casi sono vendute in misurini a cui bisogna aggiungere dell’acqua prima dell’utilizzo. Per stenderle è necessario l’utilizzo di una spatola, perché la loro particolare consistenza renderebbe difficoltosa l’applicazione con le mani. Una volta asciutte si rimuovono come normali maschere peel off.

  • Maschera peeling

Le “peeling mask” sono maschere che, una volta applicate, si seccano e si fissano alla pelle, assumendo l’aspetto di una pellicola aderente. Si rimuovono con la tecnica del “peel off”, ovvero sollevando in un unico gesto il prodotto ormai solidificato a cui resteranno attaccate impurità e residui di sebo.

  • Maschera in crema o gel a risciacquo

Le maschere creme sono preparazioni cosmetiche leggere, piuttosto semplici e standardizzate. A dominare il mercato di questa tipologia di maschere è quella all’argilla, particolarmente indicata per le pelli miste e grasse, e la cui funzione è difficilmente replicabile da una maschera in tessuto in quanto la sua azione si basa proprio sul fatto che una volta asciutta garantisce la rimozione di sporco e impurità dal viso.

Inoltre, il vantaggio delle maschere viso in crema o gel risiede anche nel fatto che possono essere applicate in maniera localizzata in base alle proprie esigenze, come ad esempio nel caso di una pelle mista.

  • Bubble Mask

Le bubble mask sono una delle più bizzarre e innovative tendenze coreane in fatto di skincare.

Ne esistono di due tipologie: le prime sono quelle in tessuto intrise di un siero che incorpora un ingrediente super tecnologico: un polimero che contiene fluoro, carbonio e ossigeno che a contatto con l’aria inizia a frizzare. Queste, infatti, sfruttano i benefici dell’ossigenoterapia per purificare, sbiancare e rigenerare la pelle.

Le seconde, invece, sono creme composte da composta da argilla, fanghi e carbonio che, qualche minuto dopo essere state applicate, cambiano consistenza, gonfiandosi, riempiendosi di soffici bollicine e diventando così una sorta di spuma.

Tutte le bubble mask sono intrise di sostanze nutrienti e idratanti che contribuiscono a lenire i rossori, distendere le rughe e a rendere l’incarnato uniforma e radioso.

  • Maschera magnetica

Dal caratteristico colore nero e dall’azione purificante, la maschera viso magnetica è salita alla ribalta grazie alla loro innovativa tecnica di rimozione. Queste, infatti, si rimuovono grazie all’utilizzo di un magnete che, passato in prossimità del viso solleva prodotto, impurità e le cellule morte dal viso in maniera autonoma facendolo aderire alla sua superficie. Come avviene? Grazie alla presenza di minerali come il silicio.

Perché provarle? Devi sapere che non solo purificano la pelle, eliminando tossine e cellule morte, ma migliorano la microcircolazione (stimolando l’afflusso di sangue e ossigenando l’epidermide) e nutrono la pelle lasciandola estremamente morbida. Infatti, sono generalmente composte da sostanze detox e antiage che aiutano la pelle a rigenerarsi, ripristinando compattezza e luminosità.

  • Maschera notturna

Importata anche lei dalla Corea con il nome “sleep pack” e successivamente rinominata sleeping mask, è una maschera studiata per rimanere sulla pelle per ore e, pertanto, non contiene principi attivi aggressivi che potrebbero causare irritazioni se lasciate a lungo sul viso. Molto idratanti, spesso sono associate a sostanze antiossidanti per un’azione riparatrice più profonda rispetto a una normale crema notte, sono state pensate per sfruttare al meglio le fasi della rigenerazione cellulare che avviene nelle ore notturne.

Inoltre, la loro texture, molto spesso in gel, è stata pensata favorire la penetrazione dei principi attivi, offrire il massimo comfort e non sporcare o ungere il cuscino.

Photo credits: Sam Lion

Cosa fare prima della maschera viso

Prima di applicare una qualsiasi maschera per il viso, è necessario una buona pulizia del viso o comunque una profonda detersione, in modo da eliminare le impurità portate dal trucco e dalla polvere quotidiana che inevitabilmente si posano sulla sua superficie della pelle.

Per ottenere il massimo dei benefici dalla maschera, inoltre, prima di applicarla utilizza un peeling viso in modo da eliminare le eventuali cellule morte presenti sull’epidermide.

Beauty tip per l’applicazione delle maschere viso

  • Maschera viso in tessuto

Applicare una sheet mask è molto semplice: è sufficiente adagiare la maschera sul viso pulito, meglio se dopo uno scrub, e tenerla in posa per il tempo indicato sulla confezione che solitamente si aggira sui 15-20 minuti.

Una volta concluso il tempo di posa basta picchiettare con i polpastrelli il prodotto residuo, portandolo anche verso il collo, e proseguire con la normale skincare routine.

Nella confezione resta del siero in eccesso? Usalo su collo e décolleté oppure sul viso nei giorni successivi al trattamento.

  • Maschera viso in crema e gel a risciacquo

Pulita la pelle, applica uno strato abbondante della maschera che hai scelto per il tuo viso avendo cura di ricoprire anche il collo e di evitare accuratamente il contorno occhi che, essendo costituito da uno strato di pelle più delicato, necessita di trattamenti diversi e mirati.

Lascia agire la maschera almeno per una decina di minuti – i tempi di posa sono comunque indicati su ogni confezione d’acquisto – e successivamente rimuovi il tutto con acqua tiepida aiutandoti con i movimenti circolari di una spugnetta poco aggressiva.

  • Maschera viso notturna

Anche in questo caso, dopo aver rimosso ogni traccia di trucco e impurità e applicato la tua normale beauty routine serale stendi uno strato abbondante della maschera notturna che hai scelto. A questo punto aspetta giusto qualche minuto che si assorba e vai tranquillamente a letto.

La mattina seguente lava accuratamente il viso, preferibilmente con un detergente a base acquosa, per eliminare qualsiasi residuo mantenendo gli effetti.

Cosa fare dopo aver applicato la maschera viso

A meno che non si tratti di una maschera notturna, ricorda di proseguire sempre con la tua normale skincare. Applica un tonico rinfrescante e/o lenitivo, il tuo siero viso e la tua crema abituale.

Che tipo di maschera viso preferisci? Quali ci raccomandi? Raccontacelo nei commenti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *